FANDOM


Il regno di Andor è uno dei principali stati del continente di Randland e la patria della maggior parte dei protagonisti, di conseguenza è la nazione che è stata meglio descritta dall'autore.

GeografiaModifica

Il regno di Andor si trova al centro del continente. Il suo confine occidentale è costituito dalla catena delle Montagne di Nebbia, che lo separa dalle Piane di Almoth e dall'Arad Doman; presso il confine, nell'estremo ovest del regno, si trovano il distretto minerario presso la cittadina di Baerlon e l'isolata regione dei Fiumi Gemelli, delimitata a nord dal fiume Taren e a sud dall'alto corso del Manetherendrelle; il confine settentrionale in questa zona è formato da un affluente dell'Arinelle, mentre quello meridionale è il territorio della Foresta delle Ombre e le terre a sud del Manetherendrelle. Più ad est, il territorio di Andor si fa disabitato e boscoso, ed è attraversato dalla Strada per Caemlyn (che costituisce la spina dorsale del regno); il confine settentrionale in questo punto diventa il fiume Arinelle, ed è in queste contrade che si possono osservare la città fantasma di Shadar Logoth e la torre di Ghenjei. Più ad est, al centro di Andor, l'Arinelle piega a sud dividendo il regno in due parti, e si tuffa nel Manetherendrelle che si dirige anch'esso a sud entrando nell'Altara; dove l'Arinelle e la Strada per Caemlyn si incontrano sorge la città di Whitebridge, così chiamata per il suo misterioso Ponte Bianco costruito durante l'Epoca Leggendaria. Ad est di Whitebridge, il territorio diventa via via più popolato e coltivato, ricco di villaggi e cittadine (Arien, Quattro Re, Market Sheran) e fattorie sparse (come quella di Else Grinwell); ancora più ad est, il fiume Cary (attraversato da un ponte all'altezza di Carysford) separa la parte centrale e quella orientale del regno. Il confine nord-orientale di Andor è costituito dal Braem Wood, una foresta che ospita pochi villaggi (New Braem, Sorgenti di Kore, Jornhill) ma che è attraversata da una via importante, quella che collega il regno a Tar Valon, la città-Stato delle Aes Sedai; il confine sud-orientale è costituito invece dalle propaggini settentrionali delle Colline di Kintara, attraversate dalla strada che porta a Far Madding. Poco oltre il fiume Cary sorge la capitale di Andor, Caemlyn, una delle città più grandi ed importanti del mondo, costruita dagli Ogier prima delle Guerre Trolloc; il confine orientale del regno è segnato dal medio corso del fiume Erinin, circa 450 km ad est di Caemlyn, e dalla città di Aringill (teoricamente una città stato indipendente, de facto un protettorato di Andor).

Andor confina ad ovest con le Piane di Almoth e l'Arad Doman; a nord con le terre disabitate dell'alto Arinelle, le Praterie di Caralain ed il Braem Wood; ad est con il regno di Cairhien ed i territori a nord dell'Haddon Mirk; a sud con le Colline di Kintara, il Murandy, l'Altara e la Foresta delle Ombre del Ghealdan.

Storia, politica e tradizioniModifica

Il regno di Andor è uno dei maggiori e più antichi stati del continente. Esso iniziò a formarsi dal disfacimento dell'impero di Artur Hawkwing, durante la Guerra dei Cento Anni, quando l'Amyrlin Seat Deane Aryman ed Ishara Casalain (figlia della governatrice della provincia imperiale di Andor) convinsero il marito di Ishara stessa, Souran Maravaile (uno dei grandi generali dell'Impero) ad abbandonare l'assedio di Tar Valon. In seguito i due coniugi tornarono a Caemlyn, nella Provincia di Andor ed Ishara si proclamò regina, rivendicando l'omonima ex-provincia dell'impero, anche se de facto governava solamente la capitale Caemlyn ed il territorio appena circostante. Poco alla volta, durante e dopo la Guerra dei Cento Anni, Ishara e le regine che le succedettero riuscirono ad estendere la loro sovranità, annettendo prudentemente molti altri territori intorno alla città (da qui il detto ripetuto nella saga: "Chi governa Caemlyn, governa l'Andor"), finché il regno non giunse ai confini attuali.

Andor è una nazione ricca e potente, che sin dalla sua nascita ha dovuto combattere la pressione dei vicini: tra questi un nemico costante è stato il regno di Cairhien, che si estende a nord-est oltre la valle dell'Erinin. Sulle sponde andorane del fiume si trova Aringill, che formalmente è una città-Stato indipendente, ma che in realtà è un protettorato di Andor, che vi mantiene una forte guarnigione. Verso sud, Andor ha spesso avuto problemi con il turbolento Murandy e la sua nobiltà riottosa; ciò comporta frequenti incursioni oltre confine ed il coinvolgimento nella politica di quel regno. Inoltre la stretta relazione tra Andor e la Torre Bianca delle Aes Sedai ha causato un atteggiamento ostile da parte dei Figli della Luce dell'Amadicia.

Molte delle tradizioni del regno risalgono alla regina Ishara ed alle prime regine che le sono succedute; la più importante è quella che rende la successione al trono possibile solo in linea femminile, di madre in figlia: perciò se una regnante non ha una figlia o una nipote pronte a succedere, il trono andrà alla parente femmina più prossima (il che può generare guerre di successione, in caso vi siano aspiranti al trono con il medesimo grado di parentela). La figlia maggiore viene chiamata Figlia-erede e, come la madre porta come segno distintivo la Corona di rose di Andor, così l'erede al trono porta una coroncina d'oro con una singola rosa. Un'altra tradizione vuole che l'erede al trono vada a studiare a Tar Valon, presso le Aes Sedai, almeno per un certo periodo di tempo ed anche se non è in grado di incanalare: questo testimonia i forti legami tra il regno e la Torre Bianca (ulteriormente confermati dal fatto che solitamente le regine tengono un'Aes Sedai quale fidata consigliera). Il figlio maschio maggiore della regina in carica giura invece di servire fedelmente la propria sorella, erede al trono, con il titolo di Primo Principe della Spada; di solito viene preparato sin dalla più tenera età a questo compito, poiché in seguito gli verrà riservata la carica di comandante in capo dell'esercito.

I Fiumi GemelliModifica

I Fiumi Gemelli costituiscono una piccola regione formalmente appartenente all'Andor, ma dove l'autorità delle regine è molto labile. È soprattutto una regione agricola che produce tabacco e lana; sono presenti solamente quattro piccoli villaggi: Deven Ride, Emond's Field (il maggiore), Watch Hill e Taren Ferry (sul fiume Taren). È una regione importante dal punto di vista del ciclo de La Ruota del Tempo, poiché da essa proviene la maggior parte dei protagonisti: Rand al'Thor, Matrim Cauthon, Perrin Aybara, Egwene al'Vere e Nynaeve al'Meara sono tutti di Emond's Field. L'autore in una intervista ha affermato che gli abitanti dei Fiumi Gemelli parlano inglese con accento irlandese.

Personaggi andorani principaliModifica

ElayneModifica

Elayne Trakand è una delle protagoniste de La Ruota del Tempo. È la principessa erede del regno, figlia della regina Morgase Trakand, diventa poi un'Aes Sedai dell'Ajah Verde; è anche una delle tre ragazze amate dal Drago Rinato Rand al'Thor.

MorgaseModifica

Morgase Trakand è la regina di Andor e madre di Elayne Trakand; molte trame secondarie del ciclo sono legate alla sua figura.

ThomModifica

Il menestrello Thomdril Merrilin è un personaggio molto rilevante: fa parte del gruppo di personaggi in fuga dall'assalto di Trolloc e Myrddraal nei Fiumi Gemelli all'inizio del primo libro, L'occhio del mondo, ed in seguito compare più volte ad aiutare i protagonisti, in particolare Mat Cauthon.

GawynModifica

Gawyn Trakand figlio di Morgase, è il Primo Principe della Spada e fratello di Elayne.

GaladModifica

Il principe Galadedrid Damodred (detto Galad) è il fratellastro di Elayne e Gawyn Trakand da parte di padre (Lord Taringail Damodred) e fratellastro di Rand al'Thor da parte di madre (Tigraine Mantear). In seguito aderisce ai Figli della Luce

Gareth BryneModifica

Il generale Gareth Bryne è uno dei Cinque Grandi Capitani delle Terre Occidentali, dapprima al servizio della regina Morgase (di cui è stato anche amante), poi destituito per le macchinazioni di lord Gaebril (in realtà il Reietto Rahvin). Siuan Sanche, nella sua fuga da Tar Valon, lo coinvolge nelle faccende delle Aes Sedai ribelli di Salidar, di cui diventa il comandante in capo. Fedele ad Egwene al'Vere, pone con successo l'assedio a Tar Valon e nel frattempo comincia una burrascosa relazione con Siuan.

TigraineModifica

Tigraine Mantear era la figlia-erede al trono della regina Mordrellen.

Basel GillModifica

Basel Gill, fedele suddito di Morgase, è un locandiere di Caemlyn; nel primo libro ospita nella sua locanda (La benedizione della regina) Rand al'Thor ed i suoi amici. Quando Morgase fugge da Rahvin, si mette al servizio della regina e la segue nelle sue avventure.

TallanvorModifica

Il capitano Martyn Tallanvor è un fedele soldato della regina Morgase (ed anche innamorato di lei). Egli l'aiuta a fuggire da Rahvin e la segue in tutte le vicende successive; Morgase arriverà a ricambiare il suo amore.

LiniModifica

Lini Eltring è la vecchia nutrice della casata Trakand, che ha cresciuto Elayne, sua madre Morgase e perfino sua nonna Maighdin; è nota nel ciclo per i suoi saggi proverbi, che ha dispensato per anni alle tre nobildonne. Quando Morgase riesce a liberarsi della Coercizione di Rahvin, Lini la aiuta a fuggire dal palazzo reale di Caemlyn e la segue fedelmente in tutte le sue avventure successive.

Lord Luc, l'AssassinoModifica

Lord Luc Mantear era il fratello di Tigraine Mantear e quindi Primo Principe della Spada di Andor. Anche lui, come la sorella, su istigazione di Gitara Sedai abbandonò l'Andor e si recò nella Grande Macchia. Laggiù si fuse misteriosamente con Isam Mandragoran, cugino di Lan Mandragoran: la nuova entità, nata dall'unione delle due persone, divenne l' Assassino; Luc/Isam è un camminatore dei sogni, quindi è capace di muoversi attraverso il Tel'aran'rhiod e di cambiare aspetto da una persona all'altra. Utilizzato per eliminare alcuni traditori, l'Assassino ha avuto anche una parte di rilievo nel quarto libro e nel tredicesimo libro, quando si è scontrato più volte con Perrin Aybara.

Dyelin TaravinModifica

Lady Dyelin Taravin è una delle più potenti nobili del regno di Andor, che rimane sempre una sicura e fedele alleata della casata Trakand e delle sue regine.

Halwin Norry Modifica

Halwin Norry è il Primo Funzionario che si trova a capo di tutta la burocrazia del Regno di Andor; viene descritto come una persona abbastanza anziana e trasandata, a causa della sua totale dedizione al lavoro; risulta essere anche una persona un po' noiosa e pedante nei modi, ma molto precisa e puntuale nel riferire attentamente i propri rapporti. Quando Rand conquista Caemlyn, Mastro Norry collabora con lui nell'amministrazione del regno, cercando anche di porre rimedio ai guasti lasciati dall'amministrazione di lord Gaebril/Rahvin. Negli ultimi libri, dopo che Elayne è tornata a Caemlyn, Mastro Norry aiuta la principessa a trovare i fondi necessari a sostenere l'assedio ed i nemici, inoltre contribuisce a smascherare delle spie all'interno del Palazzo Reale ed a formare un sistema di controspionaggio, rivaleggiando in questo con Comare Harfor. Nel libro XI, scovando un abile borseggiatore in grado di seguire Daved Hanlon, mastro Norry contribuisce infine a trovare il covo di Amici delle Tenebre in via della Luna Piena.

Reene HarforModifica

Comare Reene Harfor è la Prima Cameriera del Palazzo Reale di Caemlyn; si presenta sempre vestita impeccabilmente nella sua divisa bianca e rossa, inoltre ha le chiavi di ogni stanza e comanda l'intero corpo di servitori e camerieri. Quando ci sono ospiti di riguardo è quasi sempre lei a scortarli e ad introdurli. Dopo che Rand conquista Caemlyn, Comare Harfor lo aiuta a tenere in ordine il palazzo, nonostante molti servitori siano fuggiti, in seguito all'avvento e poi alla caduta di Lord Gaebril/Rahvin. Successivamente, quando Elayne torna a Caemlyn, Reene oltre a servirla fedelmente, si presta ad aiutare la principessa anche nello smascherare delle spie all'interno del palazzo ed a formare un sistema di controspionaggio, rivaleggiando in questo con Mastro Norry.

Le grandi casate di AndorModifica

Nel regno di Andor vi sono diciannove grandi nobili casate e per assicurarsi il trono è necessario ottenere almeno l'appoggio della maggioranza assoluta di esse (quindi sono necessarie almeno dieci casate). Le casate minori, vassalle delle precedenti, sono invece circa quattrocento. La presunta morte della regina Morgase, l'ascesa al trono di Elayne e tutti i rapporti con le diciannove grandi casate, interessano una delle maggiori trame collaterali della seconda parte della saga.

Di seguito sono riportate le diciannove grandi casate con i principali esponenti (gli alti seggi di una casata sono coloro che ne sono a capo).

  1. Casata Anshar (sigillo: una volpe rossa); l'alto seggio della casata, cioè il suo capo, è Lady Karind, che in passato non aveva appoggiato l'ascesa al trono di Morgase Trakand e quindi ne fu danneggiata, perciò in seguito, quando Morgase viene ritenuta morta, appoggia le pretese al trono di Lady Arymilla Marne; però dopo la battaglia alle porte di Caemlyn si proclama per Elayne.
  2. Casata Arawn (sigillo: delle triplici chiavi); l'alto seggio è Lady Naean, che già alla scomparsa della regina Mordrellen Mantear aveva tentato l'ascesa al trono, conquistato però da Morgase Trakand; perciò, quando quest'ultima viene ritenuta morta, Lady Nean ritorna a pretendere il trono, ma viene imprigionata ad Aringill da Dyelin Taravin e da altri grandi Lord; in seguito viene liberata da Lady Arymilla Marne, che però la costringe a cedere non solo sulle sue pretese al trono, ma anzi a dichiarasi per lei.
  3. Casata Baryn (sigillo: un martello alato); a capo della casata si trova Lord Lir, che non aveva supportato l'ascesa al trono di Morgase e perciò ne risultava idebolito; di conseguenza appoggia la pretesa di Arymilla al trono, ma dopo la battaglia alle porte di Caemlyn cambia partito e si proclama per Elayne.
  4. Casata Caeren (sigillo: una spada ed una stella); il capo della casata era l'anziano Lord Nasin che si era opposto all'ascesa al trono di Morgase; in seguito appoggia le pretese di Arymilla Marne, che è anche una sua nipote, ma muore durante la battaglia di Caemlyn; la sua giovane, ma dura, nipote Lady Sylvase è il nuovo capo della casata e dopo la battaglia alle porte di Caemlyn si proclama per Elayne.
  5. Casata Candraed (sigillo: sconosciuto); Lady Danine, a capo della casata, non aveva supportato nessuna pretendente durante l'ascesa al trono di Morgase Trakand, infatti è una vecchia nobildonna scorbutica, che non si allontana mai dalle sue tenute e perciò è risultata ininfluente nel corso di tutte le ultime successioni al trono
  6. Casata Carand (Sigillo: tre frecce dorate); a capo della casata si trova la potente Lady Aemlyn, è tra i sei grandi Lord che avevano incontrato Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy; dopo la battaglia alle porte di Caemlyn ed un incontro chiarificatore con Elayne, Lady Aemlyn decide infine di appoggiarla su insistenza di Dyelin.
  7. Casata Coelan (Sigillo: alcune rose); il militaresco e potente Lord Pelivar si trova a capo della casata, è tra i sei grandi Lord che avevano incontrato Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy; dopo la battaglia alle porte di Caemlyn ed un incontro chiarificatore con Elayne, Lord Pelivar decide di appoggiarla su insistenza di Dyelin.
  8. Casata Gilyard (sigillo: un leopardo rosso); il tredicenne ma molto perspicace Lord Branlet è il capo della casata e si dichiara per Elayne.
  9. Casata Haevin (sigillo: un orso blu); la giovane ed un po' immatura Lady Catalyn è il capo della casata e si dichiara per Elayne.
  10. Casata Mantear (sigillo: un'incudine d'argento); Mordrellen appartenente a questa casata, è stata la regina che governò l'Andor prima di Morgase Trakand e sua consigliera fu l'Aes Sedai Azzurra Gitara Moroso; sua figlia Tigraine, era la figlia-erede al trono di Andor, abbandonò marito e figlio per entrare nella Desolazione Aiel, diventare una "fanciulla della lancia", ed infine diventare la madre di Rand al'Thor, morendo durante il parto; suo fratello Lord Luc scomparve nella Grande Macchia dove si fuse con Isam diventando l'Assassino; il giovane Lord Perival è il nuovo capo della casata e si dichiara per Elayne.
  11. Casata Marne (sigillo: quattro lune); l'esponente maggiore della casata è Lady Arymilla; Arymilla aveva ostacolato l'ascesa al trono di Morgase e perciò era stata invisa a corte, ma dopo la presunta morte della regina, diventa una pretendente al trono; Arymilla libera Elenia Sarand e Naean Arawn, ma estorce il loro appoggio alla sua ascesa al trono; in seguito raccoglie attorno a se' altre tre grandi casate (per un totale di sei) e con un notevole esercito pone l'assedio a Caemlyn e corrompe alcuni dei mercenari al soldo di Elayne; la sua pretesa al trono termina con la battaglia alle porte della città, dove viene fatta prigioniera da Elayne.
  12. Casata Northan (sigillo: un'aquila nera); il sedicenne Lord Conail, pur mancando di maturità, è il capo della casata e si dichiara per Elayne.
  13. Casata Norwelyn (sigillo: un salmone d'argento); a capo della casata si trova Lord Luan, che è il nobile più potente del regno assieme a Lady Dyelin e che come lei aveva supportato l'ascesa al trono di Morgase; dopo la scomparsa di Morgase cerca inutilmente di convincere Dyelin a prendere il trono, alfine convinto dal comportamento corretto assunto da Elayne in Andor, si proclama per lei, assicurandole il trono; è tra i sei grandi Lord che avevano incontrato Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy.
  14. Casata Pendar (sigillo: tre stelle dorate); il capo della casata è lo sfuggente Lord Abelle, che aveva appoggiato Morgase nella sua ascesa al trono; si oppone all'occupazione di Andor da parte di Rand al'Thor pur riconoscendolo come Drago Rinato; è tra i sei grandi Lord che incontrano Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy; Lord Abelle è inizialmente riluttante ad appoggiare Elayne, in seguito però viene convinto dal comportamento corretto assunto da Elayne in Andor, e si proclama per lei, assicurandole il trono.
  15. Casata Renshar (sigillo: tre segugi dorati); l'autorevole e potente Lady Arathelle si trova a capo della casata ed aveva appoggiato Morgase nella sua ascesa al trono; è tra i sei grandi Lord che incontrano Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy; dopo la scomparsa di Morgase è inizialmente riluttante ad appoggiare Elayne, perciò cerca inutilmente di convincere Dyelin a prendere il trono; nel libro XI viene infine convinta da Dyelin ad appoggiare l'erede Trakand.
  16. Casata Sarand (sigillo: un cinghiale dorato); maggior esponente femminile della casata è Lady Elenia, che alla scomparsa della regina Mordrellen Mantear aveva tentato l'ascesa al trono, vinto però da Morgase Trakand; quando quest'ultima viene ritenuta morta, Lady Elenia ritorna a pretendere il trono, ma viene imprigionata ad Aringill da Dyelin Taravin e da altri grandi Lord; in seguito viene liberata da Lady Arymilla Marne che però la costringe a dichiarasi per lei. È però il suo cugino e marito, Lord Jarid, ad essere il capo della casata.
  17. Casata Taravin (sigillo: un gufo ed una quercia); a capo della casata si trova Lady Dyelin, che è una delle più potenti nobili del regno, in precedenza aveva appoggiato Morgase ed in seguito appoggia fedelmente Elayne Trakand, sin dal suo ritorno in Andor, profondamente convinta che sia la migliore regina che Andor possa avere.
  18. Casata Traemane (sigillo: un cervo bianco); Lady Ellorien è a capo di questa casata; aveva appoggiato l'ascesa al trono di Morgase Trakand, di cui era una intima amica; venne però fatta fustigare dalla Regina Morgase quando si trovava sotto l'influenza di Ravhin, perciò in seguito rifiuta ostinatamente il suo appoggio ad Elayne; era tra i sei grandi Lord che avevano incontrano Egwene al'Vere e le Aes Sedai ribelli in Murandy.
  19. Casata Trakand (sigillo: una chiave di volta d'argento); È l'attuale casata regnate, della Regina Morgase e dell'erede Elayne.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale