FANDOM


de L'Occhio del Mondo

File:Icon-lion.gif


PDV Rand – Mat e Rand arrivano a Caemlyn con il carretto di Almen Bunt.

Rand rimane abbagliato dalla bellezza e dalla grandiosità di questa città. Solo le mura sono uno spettacolo inverosimile; cinquanta piedi di ripida pietra grigio chiara, striata d’argento e di bianco dentro le quali sporgono torri snelle e più alte di quelle di guardia e cupole con riflessi bianchi e dorati sotto i raggi del sole. Bunt racconta che la Città Interna e il Palazzo furono costruite dagli Ogier.

Il carretto di Bunt varca le porte seguendo la lenta marcia della folla ed entra a Caemlyn. Bunt svolta in una via laterale, ferma il cavallo e si volta a guardarli. Poi chiede a Rand se possiede veramente la spada con gli aironi di cui parlava Holdwin aggiungendo che il locandiere non gli piace e che non sa niente e non ne vuole sapere niente ma consiglia ugualmente Rand di tenere nascosta la spada, o di venderla o di buttarla se necessario. Saluta quindi i ragazzi e si allontana.

Rand ricorda che Thom gli ha detto di andare alla locanda “La Benedizione della Regina”. I due chiedono informazioni per arrivarci. Spesso vengono avvicinati da gente losca che tenta di vendergli pezzi della spada del falso Drago e Rand, consapevole di essere notato e considerato uno straniero, cerca di nascondere la sua arma. Si dice che ben presto però qualcuno si chiederà cosa cela sotto il mantello e che in fondo non ha nessuna intenzione di nascondere ciò che lo lega a Tam, suo padre.

I ragazzi notano che molte persone, sia straniere che locali, portano legate all’elsa o al fodero della spada delle strisce di stoffa, rosse o bianche. Rand compra le strisce da un venditore e con quelle copre il marchio con l’airone.

Vedono anche dei Manti Bianchi per strada.

Finalmente trovano la locanda indicatagli da Thom. Entrano e incontrano Besel Gill. Rand gli dice che è stato Thom a mandarli. Il locandiere li spinge verso la porta posteriore e chiede a Rand che cosa nasconde nell’astuccio. Rand mostra il flauto e il mantello di Thom e racconta che il menestrello è morto ma Mastro Gill risponde che non ci crederà finchè non avrà visto il suo corpo.

Il locandiere indovina immediatamente che i ragazzi hanno dei problemi con le Aes Sedai e domanda se uno dei due è in grado di incanalare. Rand nega.

Mastro Gill si offre di ospitarli e di dare loro qualcosa da mangiare. Racconta poi qualcosa sul passato di Thom.

Il menestrello era un bardo di corte a Caemlyn. Era diventato molto intimo della regina Morgase ma quando il guaio di suo nipote venne fuori decise di andare ad aiutarlo[1]. Quando tornò, Thom e Morgase parlarono dell’argomento ma la regina non voleva che il menestrello si immischiasse in queste faccende[2] e quindi lui lasciò la corte giusto in tempo per non finire in prigione o sotto la scure del boia[3]. Gareth Bryne, il comandante delle guardie della regina, ha promesso a Morgase che lo avrebbe riportato indietro e non lo ha sicuramente ancora dimenticato.


NoteModifica

  1. Il nipote di Thom è Owyn e può incanalare.
  2. Probabilmente la presenza di Elaida a corte e la formazione della regina presso la Torre Bianca influiscono enormemente.
  3. Adesso è comprensibile il motivo per cui Thom prova a convincere Rand e Mat di poseguire vero l'Illian a bordo della Spray (LOdM, Cp.26).




Capitolo precedente: L'Occhio del Mondo Capitolo successivo:
Cap 34: L’Ultimo Villaggio Cap 36: La Grinza nel Disegno