FANDOM


Whitebridge è una città dell'universo immaginario fantasy de La Ruota del Tempo di Robert Jordan.

DescrizioneModifica

Whitebridge si trova nella parte centrale del regno di Andor; giace sulla sponda orientale del fiume Arinelle[1], che in quel punto compie l'ultimo tratto verso sud prima di gettarsi nel Manetherendrelle. Il nome deriva dal Ponte Bianco, il ponte che valica l'Arinelle all'ingresso della città (è l'unico ponte a sud di Maradon in Saldea, più di 3000 km a monte, che valica quel fiume[2]): questo ponte è costruito con un misterioso materiale bianco latteo robustissimo, probabilmente un residuo della magia dell'Epoca Leggendaria[1], molto largo ed alto il doppio dell'albero maestro delle barche che vi passano sotto[3].

Whitebridge è una città alquanto piccola, se confrontata con la capitale Caemlyn, ma è delle stesse dimensioni di Baerlon (anche se meno affollata[4]) ed è ben più grande dei villaggi dei Fiumi Gemelli[1] o di quelli lungo la strada che la separa da Caemlyn. Whitebridge si trova circa nel mezzo della Strada per Caemlyn, la strada che collega la capitale Caemlyn ad est al distretto minerario di Baerlon ad ovest; inoltre è l'unico porto fluviale tra Maradon a nord e i villaggi sul Manetherendrelle ed Illian a sud; queste due caratteristiche la rendono una città di fiorenti scambi via terra e via acqua, basata sul commercio. La Strada per Caemlyn prosegue ad ovest senza alcun villaggio o fattoria fino a Baerlon[2]; ad est invece la Strada è costellata di villaggi (Arien, Quattro Re, Market Sheran, Carysford) e fattorie isolate (come quella di Else Grinwell) fino alla capitale. Whitebridge ha al centro, nel punto in cui il Ponte tocca terra sulla riva orientale, una grande piazza lastricata in cui si trovano numerose locande, tra cui il Riposo dei Viandanti; oltre che dal Ponte, si può uscire dalla città anche da una porta nelle mura sul lato orientale, collegata all'Arinelle dalla Strada per Caemlyn che attraversa la città.

StoriaModifica

Nel ciclo de La Ruota del Tempo, Whitebridge appare per la prima volta ne L'occhio del mondo, quando Rand al'Thor, Mat Cauthon e il menestrello Thom Merrilin giungono alla città sulla nave Spray di Bayle Domon discendendo l'Arinelle dopo le vicissitudini a Shadar Logoth. La nave compie una sosta di una giornata al porto, e i tre sbarcano in città con l'intenzione di attendere gli altri componenti del gruppo disgregatosi a Shadar Logoth (Moiraine Damodred, Lan Mandragoran, Egwene al'Vere, Perrin Aybara e Nynaeve al'Meara) oppure di proseguire il viaggio per Caemlyn, mentre la Spray avrebbe ridisceso il fiume il giorno seguente fino ad Illian. Rand, Mat e Thom si fermano alla locanda Riposo del Viandante, ma lì vengono raggiunti da alcune voci: Padan Fain e un Myrddraal stanno cercando alcune persone che corrispondono alla descrizione loro e degli altri del gruppo; in più, un marinaio della Spray, Gelb, risentito con i tre, mette in giro la voce nella locanda stessa che Rand, Mat e Thom sono Amici delle Tenebre. Essi lasciano immediatamente la locanda e si dirigono verso la porta orientale, ma vengono inseguiti da un Myrddraal; Thom si lancia verso di lui con pugnali impregnati di potere e permette la fuga di Rand e Mat, che scappano da Whitebridge verso est.[5] Non si sa nulla del destino di Thom fino al libro seguente, La grande caccia, dove si scopre che è sopravvissuto, sebbene con una gamba irrigidita[6].

Pochi giorni dopo, Moiraine, Lan e Nynaeve giungono anch'essi a Whitebridge attraverso il Ponte Bianco, dopo aver cavalcato verso sud sulla sponda occidentale dell'Arinelle da Shadar Logoth; trovano una città ancora terrorizzata dalla comparsa del Myrddraal ed alcune case bruciate nella piazza centrale. Si fermano al Riposo del Viandante ricevendo lì notizia del passaggio di Rand, Mat e Thom, e Moiraine decide di seguire Perrin, l'unico ragazzo che può ancora localizzare con certezza (grazie al pegno che gli aveva dato ad Emond's Field); escono rapidamente da Whitebridge attraverso la porta orientale, e si dirigono a nord-est verso la carovana dei Calderai ed Elyas Machera.

AbitantiModifica

L'unico abitante di Whitebridge nominato nel ciclo è Bartim, il locandiere del Riposo del Viandante.

NoteModifica

  1. 1,0 1,1 1,2 L'occhio del mondo, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1133-0; pagina 358.
  2. 2,0 2,1 L'occhio del mondo, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1133-0; pagina 252.
  3. L'occhio del mondo, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1133-0; pagina 357.
  4. L'occhio del mondo, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1133-0; pagina 362.
  5. L'occhio del mondo, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1133-0; capitolo 26 (pagine 356-375).
  6. La grande caccia, Robert Jordan, Fanucci Editore (collezione TIF Extra), 2006, ISBN 978-88-347-1218-8; pagina 395.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale